Vista SFIA: DevOps modi di lavorare

DevOps modi di lavorare

Le competenze necessarie per adattare e gestire i processi organizzativi a supporto della cultura e dei modi di lavorare di DevOps. Oltre le capacità tecniche automatizzate; richiede altri cambiamenti nelle pratiche di lavoro per ottenere il massimo beneficio e incorporare una cultura diversa. A seconda della struttura organizzativa complessiva, è probabile che tu guardi dipartimenti, team e ruoli oltre i tuoi team DevOps principali. Le abilità elencate qui forniscono un indizio in quelle discussioni.

Metodi e strumenti METL

La definizione, la personalizzazione, l’applicazione, la valutazione, la misurazione, l’automazione e il miglioramento di metodi e strumenti per supportare la pianificazione, lo sviluppo, il test, il funzionamento, la gestione e la manutenzione dei sistemi. Assicurazione che metodi e strumenti siano adottati e utilizzati con efficacia in tutta l’organizzazione.

Gestione dei prodotti PROD

La gestione attiva di prodotti o servizi per tutto il relativo ciclo di vita (dall’introduzione al ritiro) al fine di rispondere alle opportunità di mercato e alle esigenze dei clienti/degli utenti e generate il massimo valore possibile per l’azienda. L’adozione e l’adattamento di modelli per lo sviluppo dei prodotti basati sul contesto del lavoro e selezionando in maniera appropriata da approcci predittivi (guidati da un piano) o adattativi (iterativi/agili).

Definizione e gestione dei requisiti REQM

La sollecitazione, l’analisi, la specifica e la convalida di requisiti e vincoli a un livello che consente sviluppo e funzionamento efficaci di software, sistemi, processi, prodotti e servizi nuovi o modificati. La gestione dei requisiti attraverso l’intero ciclo di consegna e della durata operativa del software, del sistema, dei processi, dei prodotti o dei servizi. La negoziazione di compromessi che siano accettabili per gli interessati chiave ed entro vincoli di bilancio, tecnici, normativi e di altra natura. L’adozione e l’adattamento di modelli di ciclo di vita per la gestione dei requisiti basati sul contesto del lavoro e selezionando in maniera appropriata da approcci guidati dal piano/predittivi o più adattativi (iterativi e agili).

Sicurezza delle informazioni SCTY

La selezione, la progettazione, la giustificazione, l’applicazione e l’utilizzo di controlli e strategie di gestione per mantenere la sicurezza, la riservatezza, l’integrità, la disponibilità, la responsabilità e la conformità rilevante dei sistemi informativi alla legislazione, alle normative e agli standard rilevanti.

Valutazione dell’esperienza degli utenti USEV

Convalida di sistemi, prodotti o servizi per assicurare che i requisiti degli interessati e dell’organizzazione siano stati soddisfatti, che la procedura richiesta sia stata seguita e che i sistemi in uso continuino a soddisfare le esigenze degli utenti e dell’organizzazione. Valutazione iterativa (dai primi prototipi alla realizzazione finale completata) di efficacia, efficienza, soddisfazione degli utenti, salute e sicurezza e accessibilità per misurare o migliorare l’utilizzabilità dei processi nuovi o esistenti, con l’intenzione di raggiungere livelli ottimali di utilizzabilità dei prodotti o dei servizi.

Gestione delle modifiche CHMG

La gestione del cambiamento all’infrastruttura di servizio comprese le attività di servizio, gli elementi di configurazione e la documentazione associata. La gestione del cambiamento utilizza richieste di cambiamento (RFC) per i cambiamenti standard o di emergenza e i cambiamenti dovuti a incidenti o problemi per fornire un controllo efficace e la riduzione del rischio per la disponibilità, le prestazioni, la sicurezza e la conformità dei servizi aziendali interessati dal cambiamento.

Gestione degli incidenti USUP

L’elaborazione e il coordinamento di risposte appropriate e tempestive ai rapporti degli eventi, comprese le richieste di canalizzazione per assistenza alle funzioni appropriate per la risoluzione, monitorando le attività di risoluzione e mantenendo i clienti a conoscenza dei progressi verso il ripristino del servizio.

Gestione dei problemi PBMG

La risoluzione (reattiva e proattiva) di problemi in tutto il ciclo vitale del sistema di informazioni, compresa la classificazione, l’assegnazione delle priorità e l’avvio di azioni, la documentazione delle cause alla radice dei problemi e l’applicazione di rimedi per prevenire incidenti futuri.

Gestione delle prestazioni PEMT

L’ottimizzazione delle prestazioni delle persone, inclusa la determinazione delle capacità, l’integrazione in team, l’allocazione delle attività, la direzione, il supporto, le indicazioni, la motivazione e la gestione delle prestazioni.

Sviluppo professionale PDSV

La facilitazione dello sviluppo professionale delle persone, tra cui l’avvio, il monitoraggio, la revisione e la convalida di piani di apprendimento e sviluppo in linea con i requisiti dell’organizzazione o dell’azienda. La consulenza dei partecipanti in tutti gli aspetti rilevanti del loro continuo sviluppo professionale. L’identificazione di risorse appropriate di apprendimento/sviluppo. Coordinamento con i fornitori di formazione interni ed esterni. La valutazione dei vantaggi di attività di sviluppo professionale continuo.

Gestione delle conoscenze KNOW

La gestione sistematica delle conoscenze vitali per creare valore per l’organizzazione catturando, condividendo, sviluppando e sfruttando le conoscenze collettive dell’organizzazione per migliorare le prestazioni, supportare il processo decisionale e mitigare i rischi. Lo sviluppo di una cultura supportiva e collaborativa di condivisione delle conoscenze per guidare la corretta adozione di soluzioni tecnologiche per la gestione delle conoscenze. Fornire accesso a conoscenze informali e tacite nonché a conoscenze formali, documentate, esplicite facilitando la collaborazione e le comunicazioni interne ed esterne.